BARRANCO DE LA TORRE - SALINAS - LA GUIRRA 

Difficoltà:  Medio/facile.

Lunghezza:  16.2kms.

Sintesi:

Sentiero degli uccelli tra acqua, sale e calce.

1/35

Dettagli:

Partendo dal paese di Los Alares, lasciamo la sua piazza e (dopo aver attraversato una zona abbastanza degradata) 120 metri verso nord, si trova la gola della vallata di La Torre. Si tratta di un'area ricca di vegetazione dove sono stati rinvenuti resti archeologici di epoca preispanica.

 

Seguite la gola  in direzione E-SE attraverso campi e fattorie (molte delle quali sono state abbandonate), appezzamenti di gavia e piccoli palmeti.  Attraversate sotto la statale FV2 e proseguite attraverso l'area con fitta vegetazione fino a raggiungere una cava di pietre che aggirerete verso sud.

 

Durante il vostro percorso attraverso palmeti e boschetti di Tamarix Canariensis, sarete in grado di avvistare il mare. Raggiungerete la foce della gola di La Torre, dove troverete una forno di calce e un'ampia spiaggia di ciottoli.


Ora ci dirigiamo a NE verso le Saline di Carmen, importante centro di produzione del sale in passato, che oggi ospita il Museo del Sale e un centro di informazione per i visitatori, dove è possibile conoscere la storia e il funzionamento di questo stabilimento. Una caratteristica unica di queste saline è che sono alimentate direttamente dalle maree e sono praticamente insensibili alle tempeste grazie al fatto che sono ubicate in una insenatura profonda nella Playa del Muellito.

Proseguite sul lungomare su un comodo sentiero che segue la costa. In questa zona conosciuta come Las Marismas, si trova un importante sito paleontologico, dove sono stati trovati i resti fossili di molti organismi marini del Pleistocene. Si possono anche avvistare facilmente molte specie di uccelli che popolano la costa per il cibo e non hanno problemi a sentirsi a proprio agio nel campo da golf alla vostra sinistra.

 

Nel cuore della zona turistica, si trovano le fornaci di calce de la Guirra (di fronte al centro commerciale), che sono state completamente restaurate.  L'attività derivava dalla produzione e vendita della calce, particolarmente importante per questo comune, che oltre ad ospitare un'ampia zona ricca di roccia calcarea, possiede anche una favorevole costa, dove le navi potevano attraccare e trasportare il materiale nelle altre isole. Ora siete a Caleta de Fuste.